Tremila atleti in gara per dimostrare le proprie capacità ai XXXIV Giochi Nazionali Estivi Special Olympics

6 Giu 2018 | comunicati stampa, Evento Giochi Nazionali Estivi 2018, News

 
L’ Ippodromo Snai Sesana, ieri sera, ha accolto per la prima volta la Cerimonia di Apertura dei Giochi Nazionali Estivi Special Olympics, giunti alla XXXIV edizione. Nell’anno del 50esimo anniversario del programma sportivo internazionale dedicato alle persone con disabilità intellettive nel mondo, questo momento ha assunto una magia ed una valenza ancora più significativa. Musica, con la voce di Syria e di Lorenzo Baglioni, e spettacolo con giochi di luci, mongolfiere e colori hanno arricchito i momenti protocollari. Dalla gioiosa sfilata delle 177 delegazioni provenienti da ogni regione d’Italia al saluto sentito delle Autorità presenti sul territorio, dall’ingresso delle bandiere: europea, italiana e di Special Olympics,  fino ad arrivare al momento più atteso, quello dell’ingresso della torcia olimpica, scortata dalle forze dell’ordine e da Enrico Cerruti, atleta che ai prossimi Giochi Mondiali Special Olympics ad Abu Dhabi nel 2019 gareggerà nella Maratona. A lui il compito di accendere il tripode, simbolo per eccellenza dell’inizio dell’evento di Special Olympics Italia più grande di sempre; per il numero di atleti coinvolti, 3000, e per le 18 discipline sportive proposte. Con il fuoco olimpico acceso il Giuramento recitato dall’Atleta Special Olympics, Eugenio Natale:”Che io possa vincere ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze” ha dato così il via alle gare ufficiali.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”50″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”40″ number_of_columns=”5″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” template=”/web/htdocs/www.specialolympics.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery.php” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Oggi è il primo giorno di gare, tradizionali e unificate, di: atletica leggera, badminton,bocce, bowling, calcio a 5, canottaggio, dragon boat, equitazione, ginnastica artistica e ritmica, indoor rowing, golf, nuoto, pallacanestro, pallavolo unificata, rugby, tennis e tennis tavolo.3000 atleti si sfidano tra pari o simil livello di abilità. In linea con la Mission di Special OIympics tutti avranno l’opportunità di dimostrare al meglio le proprie capacità,  tutti potranno vincere. 
Tra questi atleti c’è Carlos Gianesini che, prima di trovare il suo sport ideale, ha incontrato non poche difficoltà. La mamma ricorda che, dopo una brevissima esperienza poco fortunata con il minibasket, provò con l’equitazione; alla prima uscita con il cavallo Carlos si avvicinò all’insegnante di sostegno e le disse, a chiare lettere “io non salirò mai su un cavallo”. Lei lo tranquillizzò e disse che avrebbero guardato solamente. La seconda volta il proprietario del maneggio si avvicinò a Carlos e lo invitò a provare, lo mise su un cavallo. Carlos, da allora, non è più sceso! Carlos oggi gareggia  ai XXXIV Giochi Nazionali Estivi di Montecatini Terme e Valdinievole. La sua esperienza però è particolare, va oltre il momento sportivo. Carlos ha la passione per la fotografia. Oggi i suoi scatti migliori sono esposti presso il Villaggio Olimpico, sito in…. per tutta la durata dell’evento. 
Un’iniziativa promossa da Special Olympics Italia che intende mettere sempre in evidenza le capacità delle persone con disabilità intellettive, piuttosto che i loro limiti, e questo anche oltre il momento sportivo. Carlos ha maturato nel tempo un’ottima capacità. Per tre anni è stato affiancato da un fotografo professionista ed ha organizzato due mostre personali “A spasso per il mio Paese” e “Angoli nascosti”. Ha preso parte, come fotografo, alla Fashion Week di Barcellona. “E’ stato molto emozionante – racconta ancora la mamma – vederlo seduto (coricato poi, per fotografare al meglio) nella zona riservata ai fotografi delle riviste specializzate. Mai avrei pensato che Carlos arrivasse a certi traguardi e con quella serenità”. La fotografia per Carlos e’ diventata oggi la sua passione più grande e vorrebbe che un giorno, in futuro, diventasse il suo lavoro. Ed è proprio con uno sguardo al futuro che, parallelamente alle gare oggi, 6 giugno, al Palaterme, alle ore 10.00 si svolgono esibizioni di Young Athletes Program, programma innovativo di gioco e attività motoria per bambini piccoli con disabilità intellettiva, per introdurli al mondo del movimento prima di poter entrare a far parte, all’età di 8 anni, delle attività sportive tradizionali e/o unificate di Special Olympics. Sempre al Palaterme alle 10.00, domani, 7 giugno, sono invece in programma esibizioni di Motor Activities Training Program (MATP) rivolte a persone, bambini, giovani ed adulti con disabilità intellettive gravi e gravissime.
Sempre oggi hanno preso il via anche i Programmi Salute. E’ stata allestita un’area totalmente dedicata al benessere fisico ed alla prevenzione. Fino all’8 giugno all’interno delle Terme Excelsior in Viale Verdi, specialisti volontari offrono a tutti gli atleti un servizio sanitario altamente qualificato svolgendo screening gratuiti di: Opening Eyes (optometristi), Special Smile (dentisti), Health Promotion (nutrizionisti), Fit Feet (podologi), Healthy Hearing (audiologi), Osteopati. In un ambiente gioioso ed ospitale gli atleti imparano ad aver cura di sé e a fare scelte sane.Tutti i Programmi seguono protocolli sanitari specifici per le persone con disabilità intellettive, frutto di anni di lavoro, analisi dati e valutazioni provenienti da tutti i Programmi Salute nel mondo.Infine la Festa di Chiusura, prevista per l’8 giugno alle ore 21.00, si terrà presso il Villaggio Olimpico – Parco delle Terme Excelsior-. Celebrerà la fine di questo grande evento e al tempo stesso l’inizio di tante nuove consapevolezze negli atleti Special Olympics e nelle loro famiglie.
 
 

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”51″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”50″ number_of_columns=”5″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” template=”/web/htdocs/www.specialolympics.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery.php” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

LEGGI ANCHE

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici