Cambiamo la società

Promuoviamo il cambiamento

Quando una società fraintende e sottovaluta le capacità delle persone con disabilità intellettive, le opportunità si perdono. Il lavoro che potrebbe essere fatto si annulla. Le probabilità di stringere amicizie passano. Il rispetto che si potrebbe ottenere è perduto.

Special Olympics sensibilizza il prossimo alle capacità delle persone con disabilità intellettive.  Attraverso lo sport, si mettono in luce  le abilità e la dignità dei nostri atleti. In ugual modo, Special Olympics unisce insieme “sullo stesso campo sportivo”  persone con e senza disabilità intellettive per ammirare e al tempo stesso vivere in prima persona la potenza trasformatrice dello sport.

Combattiamo stereotipi e pregiudizi. Educhiamo le persone, giovani e meno giovani, alle competenze e alle qualità dei nostri atleti. Forniamo esperienze educative per gli allenatori, i volontari e gli insegnanti al fine di migliorare la loro conoscenza e mostrare loro come l’esperienza maturata con Special Olympics possa trascendere tutti gli aspetti della loro vita.

Lo sport unificato mette in campo Atleti con e senza disabilità intellettive (Atleti Partner)  in squadre miste per  giocare insieme a calcio, pallacanestro, bocce, pallavolo e altri sport di squadra. Giocare insieme è un ottimo modo per conoscersi l’un l’altro. Numerose squadre unificate fanno attività sportiva nelle città di tutto il mondo. Una volta all’anno, la NBA invita una selezione di atleti Special Olympics a partecipare alla NBA Cares Unified, una partita di pallacanestro con le stelle e gli ex giocatori della NBA e WNBA.

Riscriviamo la storia

Le persone con disabilità intellettive sono state relegate e nascoste per un lungo periodo di tempo. Oggi tutto ciò sta cambiando. È sufficiente incontrare e parlare con le persone con disabilità intellettive per  eliminare il proprio disagio o il timore iniziale. Ci sono ancora molte idee sbagliate sul loro conto.

Sono in molti ancora a credere, ad esempio, che tutte le persone con disabilità intellettive siano gravemente disabili. In realtà, la maggior parte delle persone in questa condizione clinica, l’85 per cento, ha una disabilità lieve che, ad ogni modo, non gli vieta di fare sport, di essere educato in scuole integrate e di essere assunto nel mondo del lavoro.

Nelle indagini svolte nei paesi di tutto il mondo, la gente non era convinta che le persone con disabilità intellettive sapessero  vestirsi da sole, leggere l’ora, comprendere nuovi eventi,  gestire le emergenze e sostenere le amicizie. Più di un terzo delle persone intervistate pensava che chi ha una disabilità intellettiva dovesse frequentare  scuole speciali e luoghi di lavoro speciali. Molti atleti Special Olympics hanno un lavoro, e la ricerca mostra che negli Stati Uniti i nostri atleti hanno un tasso molto più elevato di occupazione rispetto alle altre persone con disabilità intellettiva.

 

Home 9 Cambiamo la società

MENU
Cosa Facciamo

Sostieni insieme a noi una cultura del rispetto e dell’inclusione attraverso lo sport. Ci aiuterai a donare
grandi opportunità di riscatto.

SEIUN’AZIENDA?

Ogni venerdì riceverai le ultime buone notizie della settimana
Special Olympics

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici