Gerald Mballe, l’atleta partner che ha rischiato di non partire per i Giochi Mondiali Special Olympics

9 Mar 2019 | Abu Dhabi 2019 news, comunicati stampa, News

La sua è una storia straordinaria che merita di essere diffusa

Un ragazzo che ha viaggiato tanto nella sua vita e che ha rischiato di non partire per i Giochi Mondiali di Abu Dhabi. Non ha potuto farlo due giorni fa con la delegazione italiana ma da oggi ne fa parte. La sua è una storia incredibile e questo è un lieto fine che merita davvero. E’ una storia che meriterebbe una pagina su tutti i giornali, quella raccontata su Facebook da Alessandra Palazzotti , il Direttore Nazionale di Special Olympics Italia

 

“Gerald rappresenta per me il simbolo di cosa vuol dire essere determinati e lottare contro le discriminazioni. Perchè lui è un Game Changer, il primo dei determinati, e perché abbiamo dovuto essere determinati e lottare in tanti per averlo con noi ai Giochi Mondiali di Special Olympics. Purtroppo il suo passaporto con la qualifica di rifugiato politico non e’ ritenuto valido per entrare negli Emirati. Eh si, perchè un ragazzo che viene da un paese in guerra attraversando l’Africa e poi il mare ancora minorenne, che viene accolto in Italia, si integra, fa il volontario alla Croce Rossa per ‘restituire quanto di buono l’Italia gli ha dato’, si allena da anni con gli atleti Special Olympics, studia perché vuole andare all’università, ecco questo ragazzo deve vivere l’umiliazione di non essere accolto nel paese che ospita l’evento più inclusivo dell’anno.


Noi non ci stiamo.
Noi crediamo che le regole, se sono sbagliate, si debbano cambiare. Allora ci offriamo come garanti, siamo in tanti a volerlo fare. Ma non basta. E allora scriviamo a tutti: consoli e  ambasciatori. Smuoviamo le montagne perché vanno cambiate le regole del gioco. Perché è così che si deve fare. Per difendere i propri diritti e quelli degli altri si deve essere pronti a mettersi in gioco davvero, a prendersi delle responsabilità, a rischiare. Noi l’abbiamo fatto. Non siamo riusciti a farlo partire con i compagni e a fargli vivere le due inebrianti giornate che hanno preceduto l’imbarco, ma dopo una notte di scambi di messaggi e telefonate tra Abu Dhabi, Roma e Settimo Torinese e’ arrivato l’OK e abbiamo confermato il volo che avevamo opzionato.
Gerald ha preso un pullman prima dell’alba per andare in aeroporto perché l’ambasciatore negli Emirati ha deciso di concedergli un permesso per entrare. E allora alle 6 di mattina ci sentiamo, mi devo assicurare che il pullman sia puntuale.

Gerald su quel pullman c’è perché questa occasione non la perderebbe per niente al mondo. Arriva in aeroporto con il suo biglietto. Ma il suo biglietto e il suo documento non bastano. 
Purtroppo in aeroporto fanno problemi, Gerald non parte, perché comunque ha un documento diverso dalla norma. Ha uno di quei documenti che indicano che dovrebbe essere protetto e invece viene trattato come un delinquente. Allora ancora a smuovere montagne alle 6 di mattina. Anche stavolta siamo in tanti e forse anche un po’ fastidiosi. Si apre un triangolo Dubai Torino Roma che fa l’impossibile.
Ok, alle 9 Gerald ha la carta d’imbarco. L’aereo parte alle 9.55. Subito al controllo. Mi manda la foto sorridente di chi finalmente sta andando a vivere un sogno agognato per un anno.

 “Gerald mandami un messaggio quando metti il sedere sul sedile dell’aereo”.
Dopo poco:
“Ale sono seduto”
“Ok, perfetto”

 Dopo 4 minuti:
“Ale mi hanno chiesto di scendere dall’aereo. C’e’ qualcosa che non quadra. Mi portano via col pulmino. Mi riportano in aeroporto”.

Devono fare delle verifiche, richiamiamo tutti quelli che possiamo richiamare, rismuoviamo le montagne. Mentre intanto penso a quanto si possa essere sentito umiliato un ragazzo che viene fatto scendere dall’aereo con tutti che lo guardano e con tanti, pieni di pregiudizi, che sicuramente pensano che quel ragazzo dalla pelle scura avrà rubato qualcosa. Ma noi le regole le cambiamo anche per questa gente qui, quella piena di pregiudizi.

 

Venti minuti di tensione. Poi: 
“Ale mi riportano in aereo”.
Respiro di sollievo.
“Ale partito”


E il mio messaggio ha una spunta sola perché il suo telefono finalmente non prende più.


Dal 14 al 21 marzo, oltre 7mila atleti provenienti da ogni parte del mondo, saranno ad Abu Dhabi per partecipare ai Giochi Mondiali Special Olympics. 24 le discipline sportive, gli Azzurri gareggeranno nelle seguenti: atletica, badminton, bocce, bowling, calcio a 5 e a 7 unificati, equitazione, ginnastica artistica e ritmica, golf, equitazione, pallacanestro unificata e tradizionale, pallavolo unificata, nuoto, nuoto in acque libere, tennis, tennistavolo. Gerald porterà in alto i colori del nostro Paese, sarà protagonista, insieme ai suoi compagni di squadra, di una grande rivoluzione di prospettiva che, attraverso lo sport, toccherà temi fondamentali del nostro tempo come l’accettazione di tutte le diversità e la piena inclusione.. Gerald, atleta partner senza disabilità intellettive, giocherà a calcio unificato e dimostrerà quanto in fondo sia semplice abbattere ogni stereotipo e pregiudizio con un semplice passaggio di “pallone”, icona del Movimento Special Olympics in tutto il mondo.

 

Documentario ESPN su Gerald Mballe
[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=VhsUC4rFjQ4[/embedyt]


La partecipazione del Team Italia ai Giochi Mondiali Estivi di Abu Dhabi è resa possibile grazie a:

P&G, OSO – Fondazione Vodafone, Coca Cola, Saras, Izi Love Foundation, Mitsubishi Electric, Etihad

Si ringrazia per la fornitura del materiale tecnico:

Adidas, Federazione Italiana di Atletica Leggera, Federazione Italiana Badminton, Federazione Italiana Bocce, Federazione Italiana Giuoco Calcio, Federazione Italiana Nuoto, Federazione Italiana Tennis, VIS sportWear, all4bowling

 

Si ringrazia per il sostegno alla Campagna “Adotta un Campione”:

Otis, SKF, Natixis, High Gaskets by Am.co., Electroplastic, Tridente Collection, Fondazione Varaldo Di Pietro, Edynea, Sicit, ADR, Cral ACTV, Kiwanis Club Pescara, Lions Club Lecco San Nicolò, Lions Club Lecco Host, Fondazione Terzo Pilastro, IIS Eliano Luzzatti, Società Sportiva Lazio, Regione Toscana, Comune di Arezzo, Comune di Albissola Marina, Comune di Bareggio, Comune di Biassono, Comune di Chieri, Comune di Desio, Comune di Dueville, Comune di Gualdo Tadino, Comune di Lissone, Comune di Marino, Comune di Malnate, Comune di Mongrando, Comune di Parma, Comune di Pino Torinese, Comune di Sagliano Micca, Comune di Santena, Comune di Salsomaggiore Terme, Comune della Spezia, Comune di Travagliato, Comune di Vedano al Lambro.

 

LEGGI ANCHE

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici