Home 9 Comunicati stampa e news - Giochi Nazionali Estivi, Torino 9 Chiusi i XXXVII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics, Torino 2022

Chiusi i XXXVII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics, Torino 2022

Tremila Atleti lasciano alla città di Torino una visione diversa, un arricchimento culturale e umano di inestimabile valore

Torino, 9 Giugno 2022 – Federica, Atleta piemontese che vive in un paesino nelle valli di Lanzo, in questa edizione di Giochi Nazionali, ha rappresentato i 3mila Atleti Special Olympics che, come lei, sono stati protagonisti di un evento che è destinato a rimanere nella storia del Movimento almeno per due ordini di motivi: è stato il primo nazionale, il più atteso di sempre, organizzato in presenza dopo ben tre anni di fermo obbligato dovuto alla pandemia Covid-19 ed è stato il primo nazionale di Special Olympics organizzato a Torino, città che, da oggi in poi, sarà ancora più pronta ad accogliere la diversità come risorsa, avendo all’attivo un’esperienza inclusiva che solo un evento di tali proporzioni può donare al territorio, soprattutto in termini culturali.

E Federica, intervenuta sia in occasione della Conferenza stampa che alla Cerimonia di Apertura, ha ribadito un concetto fondamentale: lo sport è uno strumento per raggiungere la condizione ideale di chi è diverso, “unico” e totalmente incluso nella società perchè ne ha diritto ed è giusto che ci siano tutte le condizioni per poterlo esercitare al meglio compiendo un percorso umano e sociale. In particolare nelle parole di Federica sono emersi sempre un “prima” e un “poi”: un recente passato fatto di distanziamento sociale e solitudine e un radioso presente, proprio qui e ora, a Torino quando, dal 4 giugno ad oggi, con le dovute cautele, siamo tornati finalmente in campo insieme per gareggiare e vincere ogni limite. Un prima e un poi segnano anche la storia personale di Federica. Prima di conoscere Special Olympics aveva una vita fatta di insicurezze e difficoltà, oggi per lei, grazie allo sport, la diversità non esiste più, se non nella sua accezione più positiva e straordinaria.

20 discipline sportive a Torino: atletica leggera, badminton, bocce, bowling, calcio a 5, canottaggio, dragon boat, equitazione, ginnastica artistica e ritmica, indoor rowing, karate, golf, nuoto, nuoto in acque aperte, pallacanestro, pallavolo unificata, rugby, tennis e tennistavolo. Lo sport per Special Olympics non è altro che un motore sempre acceso di opportunità; per gli Atleti, di misurare e dimostrare, anche a se stessi, capacità e talenti, per tutti gli altri, Atleti Partner e non, di cambiare prospettiva imparando a riconoscere in ognuno una potenzialità. Ora che i Giochi sono terminati gli Atleti torneranno a casa lasciando alla città di Torino una visione diversa, un arricchimento culturale e umano di inestimabile valore.

Tanta umanità, tanta “unicità”  si è respirata ai XXXVII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics che, come vuole la Mission del Movimento, non hanno lasciato nessuno indietro, nessuno “in panchina” per dirla in gergo sportivo. Se esiste una capacità nota e riconosciuta a Special Olympics, in Italia e in tutto il mondo, è quella di saper coinvolgere le persone, le stesse che poi ruotano sempre attorno agli Atleti e alle loro famiglie.

Grazie ai tecnici, allo staff organizzativo, agli infaticabili volontari, motore di ogni evento, alle aziende partner che hanno creduto fermamente in questo progetto. Grazie ai 150 medici specialisti volontari dei programmi salute che hanno messo a disposizione degli Atleti e  per tutta la durata dell’evento le proprie competenze: Opening Eyes (screening optometrico), Special Smiles (screening odontoiatrico), Fit Feet (screening podologico) e Health Promotion (nutrizione e prevenzione).

Grazie agli Atleti con disabilità intellettive importanti che hanno aderito al programma MATP (Motor Activities Training Program) dandoci una più che evidente dimostrazione che non esistono limiti alla volontà.

Grazie agli Atleti, con disabilità intellettive e non, perchè, proprio come sostiene Federica, non esistono differenze, sia sul campo di gioco che fuori, se non come fonti di ricchezza.

Grazie infine ai bambini delle scuole che hanno partecipato al programma YAP ( Young Athletes Program) perchè ci hanno indicato una finestra aperta su un futuro ancora possibile, fatto di pace ed inclusione.

I XXXVII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics sono realizzati con il contributo di:

Premium Partner Banca Intesa San Paolo

Gold Partner Fondazione Compagnia di San Paolo, The Coca-Cola  Foundation

Silver Partner Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino, iZilove Foundation,  Mitsubishi Electric

Bronze Partner Belron, Cooperativa Sociale Sportivamente, Rotary Distretto 2031

Friends Otis, Würth, Michelin, ABB, Mattel, Gruppo Green Vision

Media Partner: La Gazzetta dello Sport

Technical Partner Adidas

Mobility Partner Toyota

YAP Partner iDO

Healthy Athletes Partner Golisano Foundation

Le Torce sono state realizzate per Special Olympics da Bonino Carding Machines Srl

Questa attività è realizzata anche con il contributo di cui alla legge 208/15

Scopri come sostenere tutti i progetti di Special Olympics Italia

Resta in contatto con noi, iscriviti alla newsletter per ricevere i nostri aggiornamenti settimanali.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici