Partecipa anche tu! Solo pochi “passi”, almeno all’inizio…
1.Scarica la App Adidas Running

2. Unisciti  al Gruppo Special Olympics #backtothegames,

3. Compila il modulo  per partecipare alla sfida! Sono previsti dei premi per gli utenti registrati che saranno più attivi in termini di condivisione di post e foto sui social in modalità privacy pubblica con #BackToTheGames #città e il tag @ Special Olympics Italia

 

L’obiettivo
Questo viaggio a ritroso nel tempo ci permetterà di mantenere costante l’allenamento contribuendo al benessere fisico e psicologico di tutti gli atleti, familiari, volontari, coach e sostenitori di Special Olympics. #BacktotheGames non è solo un viaggio nel passato, ha al contempo l’obiettivo di infondere in tutti noi la fiducia in un prossimo futuro quando potremo finalmente tornare ad organizzare i Giochi Special Olympics tradizionalmente intesi in sicurezza, gli stessi che non possono proprio prescindere dall’assembramento e dal contatto fisico che genera inclusione.

 
Abbiamo sfidato lo spazio…
Quando, qualche mese fa, abbiamo lanciato la sfida #TotheMoonandBack d’impatto è potuta sembrare surreale e piuttosto ambiziosa, almeno fino a quando, su Adidas Running, non si è formata una folta community di determinati che ha quotidianamente accumulato km, fino a toccare e superare i 384,403, esattamente la distanza tra la terra e la luna. 
Il bisogno di mantenere attivi gli atleti Special Olympics, unito all’abitudine di porsi obiettivi “stratosferici“, ci ha permesso di restare uniti rispettando tutte le norme imposte dall’emergenza sanitaria ancora in corso, di prenderci cura di noi stessi attraverso una costante attività motoria, di correre, con il corpo e con la fantasia. 
 
Ora sfidiamo il tempo!
Abbiamo sfidato lo spazio e abbiamo vinto, ora è arrivato il momento di sfidare il tempo; #Backtothegames è un vero e proprio “ritorno al futuro“, un viaggio che racconta la storia di Special Olympics. Partendo da Abu Dhabi, sede dei più recenti Giochi Mondiali ripercorreremo a ritroso tutte le città che hanno ospitato i più grandi eventi internazionali fino ad arrivare a Chicago, là dove la Fondatrice Eunice Kennedy Shriver proclamò ufficialmente aperti i primi Giochi dedicati alle persone con disabilità intellettive, era il 1968.
116mila Km che ci permetteranno ad ogni tappa di ripercorrere e raccontare la storia di Special Olympics, raccogliendo le  storie degli atleti e le testimonianze, foto e video, i ricordi più belli e significativi, di chi gli eventi li ha vissuti in prima persona. 

 

I ricordi ma anche la voglia di tornare a gareggiare: la sfida sui social
Durante questo viaggio nel tempo puoi distinguerti e provare a vincere dei premi di categoria: condividi su Facebook e/o Instagram le foto più rappresentative degli eventi e dei luoghi completando il tutto con una breve didascalia che riporti i tuoi ricordi e la speranza per il prossimo futuro.